Codelfa SpA

Nuova Vasca dei Delfini – Acquario di Genova

All-Acquario-di-Genova-tornano-i-delfini_h_partb

Scheda Progetto

Servizio di controllo tecnico per nuove costruzioni allo scopo di ottenere un Rapporto Finale di Controllo Tecnico (RFCT) valido ai fini assicurativi (UNI 10722/3 e UNI 10721)

Importo dei lavori: € 14.787.433

Committente

Codelfa SpA – Gianni Benvenuto SpA – Diesse Electra SpA

Località Passalacqua
15057 Tortona

DESCRIZIONE DEL PROGETTO

Si tratta della realizzazione della Nuova vasca dei Delfini presso l’acquario di Genova.

L’intervento prevede inizialmente la demolizione della passerella vetrata che attualmente collega l’Acquario con la Nave Italia, e le scale di sicurezza esterne; successivamente la Nave Italia sarà allontanata, ricoverata in bacino e rinnovata. Sarà poi ricollocata al momento opportuno nella nuova posizione prevista dal progetto.
Lo “scafo” in cemento armato a pianta rettangolare che costituisce in gran parte la “Nuova Vasca dei Delfini” sarà realizzato presso un bacino di carenaggio e sarà largo 28 metri, lungo 94 m e alto 12 m. Dopo aver completato le opere necessarie il bacino sarà allagato e la costruzione sarà trasportata, in galleggiamento, presso un sito, preferibilmente presso una banchina, dove sarà ormeggiata e completata. Le lavorazioni sull’opera avverranno mantenendo il manufatto perfettamente orizzontale regolando i livelli d’acqua nelle casse di zavorra. Contemporaneamente presso il sito di destinazione finale, ovvero fra l’Acquario e la Nave Italia, verranno eseguite, utilizzando i normali mezzi di lavoro (rimorchiatori, pontoni, bette, sommozzatori, ecc.) le opere marittime preliminari per l’affondamento in opera del manufatto, ovvero scavo, versamento pietrame e spianamento della berma. Una volta ultimato, il manufatto sarà trasportato, a mezzo di rimorchiatori, presso il sito di destinazione finale dove sarà affondato utilizzando, come casse di zavorra, le casse d’acqua e le vasche di esercizio. Solo ad “assestamento avvenuto” saranno realizzate le opere di collegamento ai manufatti esistenti (Acquario e Nave Italia).
La parte superiore dello “scafo” una volta posizionato ed assestato risulterà rialzata di 0,8 m rispetto al percorso della Via del Mare ed affiorerà dall’acqua per 3 m; questo guscio in cemento armato, sarà destinato a contenere tutte le vasche, il percorso di visita a quota sottomarina e gran parte dei locali tecnici e degli ambienti di servizio a supporto della nuova struttura. Il livello più basso del manufatto in cemento armato, tra le quote -8,00 e -3,00, ospiterà gran parte degli impianti tecnici tra cui il sistema di gestione delle vasche (Life Support System – LSS).
Le 4 vasche che si posizioneranno immediatamente sopra a questo piano tecnico saranno: la Main pool, destinata ad ospitare sino a 9 delfini; La Medical pool, la Nursery pool e la Holding pool saranno invece vasche destinate al trattamento medico-veterinario degli animali.

MISSIONI

Missione stabilità e resistenza meccanica degli elementi strutturali inteso come prevenzione del crollo e dei gravi difetti costruttivi.

Missione durabilità, manutenibilità e vita utile delle impermeabilizzazioni dell’opera.