Giustino Costruzioni spa

Prolungamento del molo “Caligoliano”, Porto di Pozzuoli (NA)

Prolungamento del molo Caligoliano Porto di Pozzuoli

Scheda Progetto

Servizio di Controllo Tecnico in corso d’opera allo scopo di ottenere un Rapporto Finale di Controllo Tecnico (RFCT) valido ai fini assicurativi (UNI 10722/3 e UNI 10721)

Importo dei lavori: € 31.600.000

Committente

Giustino Costruzioni spa

Via Privata D. Giustino, 3/A
80125 Napoli
Tel 081 7256100
Fax 081 5708299

Cod. Fisc. 00975060633

DESCRIZIONE DEL PROGETTO

Si tratta della realizzazione di tutte le opere necessarie al prolungamento del molo “Caligoliano” fino a 360 metri.

Le opere necessarie al prolungamento sono state suddivise in “stralci funzionali” per tempistiche di esecuzione.

Gli stralci individuati sono i seguenti :

  • Primo stralcio funzionale – Prolungamento fino a 110 ml.
  • Secondo stralcio funzionale – Prolungamento fino a 160 ml.
  • Terzo stralcio funzionale – Prolungamento fino a 220 ml.
  • Quarto stralcio funzionale – Prolungamento fino a 360 ml.

Il prolungamento è costituito, nella sua generalità, mediante la costruzione di una diga a paramento verticale realizzata con cassoni cellulari prefabbricati in c.a.
I cassoni poggiano su uno scanno di imbasamento la cui fondazione è trattata con il sistema della vibroflottazione.
La sovrastruttura è costituita da un solettone in c.a. RCK 350.Il muro paraonde è anch’esso realizzato con c.a. RCK 350 rivestito con pietra lavica sia all’esterno che all’interno.

DESCRIZIONE DEL SERVIZIO SVOLTO

Missione stabilità e resistenza meccanica degli elementi strutturali inteso come prevenzione del crollo e dei gravi difetti costruttivi.

Obiettivo del controllo
Il servizio di controllo ha lo scopo di normalizzare il rischio, con riferimento alla stabilità e alla resistenza meccanica delle parti d’opera oggetto del controllo, di rovina parziale o totale, di gravi difetti della struttura dell’opera, purché detti eventi siano derivanti, da un vizio del suolo o da un difetto di costruzione e che colpiscano parti dell’opera destinate per propria natura a lunga durata.

Viene inoltre fatto riferimento agli effetti di deformazioni e spostamenti delle strutture principali sui seguenti sub-sistemi tecnologici indissociabili dalle strutture stesse:

  • sistemi impiantistici indissociabilmente legati a queste opere, ovvero attrezzature e reti impiantistiche o parti di esse, la cui posa, o smontaggio, o sostituzione non può effettuarsi senza demolire o danneggiare l’opera o parti di essa.