Città di Montebelluna (TV)

Liceo ‘Primo Levi’ di Montebelluna

liceo-primo-levi

Scheda Progetto

Servizio di Controllo Tecnico per nuove costruzioni allo scopo di ottenere un Rapporto Finale di Controllo Tecnico (RFCT) valido ai fini assicurativi (UNI 10722/3 e
UNI 10721)

Importo dei lavori: € 9.363.074

Committente

Carron Cav. Angelo SpA

Via Bosco, 14/1
31020 San Zenone degli Ezzelini (TV)

DESCRIZIONE DEL PROGETTO

L’opera è pensata costruttivamente suddivisa in più corpi di fabbrica allo scopo di rendere la planimetria molto articolata capace di soddisfare i requisiti di comportamento antisismico prescritte dalle normative vigenti; in particolare è possibile identificare nel complesso cinque corpi di fabbrica denominati A, B, C, D, E aventi le caratteristiche sotto riportate:
Corpo di fabbrica A: è destinato ai locali amministrativi e collettivi dell’edificio scolastico; si sviluppa su quattro livelli, uno interrato, dove trovano posto i locali tecnici degli impianti ed il magazzino, e tre fuori terra con l’atrio di ingresso alla struttura, gli uffici della presidenza e della segreteria, l’auditorio e la biblioteca.
Corpi di fabbrica B, C, D: sono destinati ai locali didattici ed ai servizi dell’edificio scolastico; si sviluppano su due (corpi B e D) e su tre livelli fuori terra (corpo C) e presentano tutti un vano interrato realizzato dal cavedio centrale per il passaggio degli impianti.
Corpo di fabbrica E: è destinato all’attività sportiva ed ai locali di servizio alla stessa; il corpo di fabbrica presenta in parte un vano interrato e due livelli fuori terra, per i locali adibiti a spogliatoi, ed in parte un unico livello fuori terra per l’area riservata alla palestra; inoltre in tale corpo trovano alloggiamento i locali tecnici di servizio del complesso quali i locali pompe e le vasche di raccolta dell’acqua (vano interrato).

MISSIONI

Missione stabilità e resistenza meccanica degli elementi strutturali inteso come prevenzione del crollo e dei gravi difetti costruttivi.

Il servizio di controllo ha lo scopo di normalizzare il rischio, con riferimento alla stabilità e alla resistenza meccanica delle parti d’opera oggetto del controllo, di rovina parziale o totale, di gravi difetti della struttura dell’opera, purché detti eventi siano derivanti, da un vizio del suolo o da un difetto di costruzione e che colpiscano parti dell’opera destinate per propria natura a lunga durata.